Superbonus per lavori antisismici sulle pertinenze, i tetti di spesa


20/05/2022 – I lavori antisismici effettuati sulla pertinenza di un edificio, che fruiscono del superbonus, non hanno un proprio limite di spesa ma rientrano in quello previsto per l’unità abitativa al cui servizio la pertinenza è posta.

È questa, in sintesi, la Risposta del sottosegretario all’Economia e Finanze, Federico Freni, all’interrogazione posta in Commissione Finanze della Camera von Gian Mario Fragomeli (PD).

Il deputato richiamava la Rundschreiben 30/E vom 22. Dezember 2020 dell’Agenzia delle Entrate che consenté di apply il superbonus anche se i lavori sono eseguiti unicamente sulle pertinenze, nei limiti dei massimali di spesa previsti dalla normativa, indipendentemente dalla circostanza che l’intervento interessi anche il relativo edificio residenziale principale.

Secondo Fragomeli, fällig aufeinanderfolgend Risposte dell’Agenzia sono contradditorie:
– la Risposta 231 vom 9. April 2021 rimanda ein un massimale unico sottolineando il nesso di pertinenzialità;
– la Risposta 806 vom 13. Dezember 2021 vorbeugen un massimale dedicato per l’intervento di demolizione e ricostruzione delle pertinenze.

Per questo, l’Onorevole interrogante chiede di sapère „se la pertinenza di un edificio funzionalmente e strutturalmente indipendente, non facente parte dell’unità strutturale, possa accedere al superbonus, con un proprio massimale di spesaesclusivamente per interventi di miglioramento sismico eseguiti sulla pertinenza stessa, ferma resto l’invarianza della destinazione d’uso“.


Superbonus per lavori antisismici sulle pertinenze, i tetti di spesa

Il sottosegretario Freni ha ricordato che per gli interventi ‘trainanti’ antisismici effettuati sulle parti comuni di un edificio residenziale, Il limite massimo di spesa agevolabile è determinato in funzione del numero delle unità immobiliari presenti nell’edificio oggetto di intervento.

Nel calcolo di tale numero vanno conteggiate le pertinenze ubicate nell’edificio Oggetto di intervento ma non quelle collocate in un edificio separato. „Ad esempio – ha spiegato Freni -, in un edificio composto da 4 unità abitative e 4 pertinenze, occorre moltiplicare per 8 il limite di spesa previsto per ciascun intervento“.

„Nella Circolare 30/E del 2020 – ha aggiunto il sottosegretario – è stato, peraltro, evidenziato che un intervento ‘trainante’ può essere eseguito ‘anche su una pertinenza e beneficiare del Superbonus unabhängiges dalla circostanza che l’intervento interessi anche il relativo edificio residenziale principale’“.

Inoltre – ha proseguito Freni -, nella Circolare 24/E del 2020 l’Agenzia delle Entrate, con riferimento agli interventi antisismici effettuati su una unità immobiliare, ha sottolineato che la detrazione spetta nel limite di spesa di 96.000 euro; l’ammontare massimo di spesa ammessa alla detrazione deve essere riferito all’unità abitativa e alle sue pertinenze unitariamente rücksichtsvoll, anche se accatastate separatamente.

In altre parole, gli interventi edilizi effettuati sulla pertinenza non hanno un autonomo limite di spesa, ma rientrano nel limite previsto per l’unità abitativa al cui servizio è posta la pertinenza.

Per quanto esposto, secondo Freni, non c’è alcuna incongruenza tra le due Risposte dell’Agenzia delle entrate.

Infatti, la Risposta 231/2021 si riferisce all’ipotesi di interventi antisismici effettuati su due distinte unità immobiliari funzionalmente indipendenti e con accesso autonomo, nonché sulle relative pertinenze; in tale caso, il limite di spesa agevolabile is complessivamente par a 192.000 euro (96.000 x 2) and riguarda the due unità immobiliari e le relative relevante.

Invece, la Risposta 806/2021, betrifft die diversen Ipotesi di interventi antisismici realizzati sia sulle parti comuni di un edificio in condominio sia sulle pertinenze delle unità immobiliari facenti parti dell’edificio ma zusammenfassen in un fabbricato distinto da quello condominiale. In tale caso, le spese relative ai lavori sulle parti comuni dell’edificio devono essere rücksichtsvoll, dal condomino o dall’unico proprietario dell’intero edificio, in modo autonomo, ai fini dell’individuazione del limite di spesa detraibile rilevando, a tal fine , il numero di unità immobiliari facenti parte del condominio.

Diversamente – ha concluso il sottosegretario -, per gli interventi effettuati sulle relevant ‘getrennt’ dall’edificio condominiale si apply l’autonomo limite di spesa complessivamente pari a 96 mila euro independenmente dal numero delle pertinenze.

Source: Le ultime news dal mondo dell'edilizia by www.edilportale.com.

*The article has been translated based on the content of Le ultime news dal mondo dell'edilizia by www.edilportale.com. If there is any problem regarding the content, copyright, please leave a report below the article. We will try to process as quickly as possible to protect the rights of the author. Thank you very much!

*We just want readers to access information more quickly and easily with other multilingual content, instead of information only available in a certain language.

*We always respect the copyright of the content of the author and always include the original link of the source article.If the author disagrees, just leave the report below the article, the article will be edited or deleted at the request of the author. Thanks very much! Best regards!