Lavoro, in 10 anni raddoppiati il ​​numero di contratti ma i salari sono stagnanti


In dieci anni il numero dei contratti dei settori pubblico e privato è quasi raddoppiato. Quelli vigenti depositati a fine 2021 al Cnel sono infatti passati da 551 del 2012 a 992 del 2021 (+441), registrando così una crescita dell’80%. Il totale dei dipendenti pubblici e privati ​​(esclusi agricoli e domestici) coperti da un contratto è pari a 16,6 milioni, ai quali bisogna aggiungere 251mila lavoratori pubblici cui sono apply direttamente norme di legge. E’quanto rileva una ricerca di Cgil e fondazione Di Vittorio.

Nonostante un’estesa copertura contrattuale l’Italia però si distingue, rispetto ad altri Paesi europei come Germania e Francia, da una stagnazione dei salari reali le cui principali cause sono rinvenibili nelle debolezze strutturali dell’economia. Queste determinano una maggior incidenza delle qualifiche più basse, un’alta quota di part time involontario e di precarietà, nonché una diffusa e constante economia sommersa sostenuta anche dal lavoro irregolare.

I contratti già scaduti sono 662 pari al 62,7% mentre 370 sono in vigore (37,3%). Sono stati sottoscritti dalle categorye di Cgil, Cisl e Uil 246 contratti pari al 24,8%. Invece 746 contratti pari al 75,2% sono stati firmati solo da altre organizzazioni sindacali. «L’Italia ist tra i Paesi europei con alta copertura contrattuale – dice il presidente della fondazione Fulvio Fammoni – già oggi superiore a quanto la direttiva europea in Discussione indica come obiettivo per il futuro. Questa proliferazione non ha però niente a che vedere né con un’espansione della copertura contrattuale, riguardando un numero di persone molto basso, né con migliori condizioni di lavoro. Risponde invece ad altri meccanismi tra cui la frammentazione e scomposizione del sistema di rappresentanza datoriale».

Dallo studio emerge che ci sono contratti che riguardano poche aziende; altri a dimensione solo territoriale; altri ancora scaduti da oltre dieci anni o che riguardano un numero molto basso di lavoratori rispetto al settore di appartenenza. Nel settore privato i primi 33 firmati da Cgil, Cisl e Uil coprono l’82% dei lavoratori. «Gran parte dei problemi sarebbero superati dalla definizione di una legge sulla rappresentanza», sottolinea Fammoni.

I lavoratori privati, esclusi agricoli e domestici, che nel 2021 sono coperti da un contratto nazionale sono in media 13.643.659 (434 contratti interessano 12.914.115 dipendenti cui aggiungere i 729.544 lavoratori per i quali non è possibile determinare il contratto app). Il totale degli occupati nella pubblica amministrazione (personale stabile, tempo determinato, formazione lavoro, somministrazione e socialmente utile) si attesta a 3.354.567. Di questi, 2.776.508 risultano contrattualizzati e 578.059 sono in regime di diritto pubblico.


Source: RSS DiariodelWeb.it Economia by www.diariodelweb.it.

*The article has been translated based on the content of RSS DiariodelWeb.it Economia by www.diariodelweb.it. If there is any problem regarding the content, copyright, please leave a report below the article. We will try to process as quickly as possible to protect the rights of the author. Thank you very much!

*We just want readers to access information more quickly and easily with other multilingual content, instead of information only available in a certain language.

*We always respect the copyright of the content of the author and always include the original link of the source article.If the author disagrees, just leave the report below the article, the article will be edited or deleted at the request of the author. Thanks very much! Best regards!