Italia capofila in Europa control lo stop ai motori endotermici

Tutti insieme, in più di 40, per contraarsi sul futuro dell’auto in Italia e in Europe. È andato in scena oggi un nuovo appuntamento del tavolo automotive al ministero dello sviluppo economicodove politica e industria si sono incontrate in vista del Consiglio Ambiente dell’Unione europea, in programma il 28 giugno per believere sulla proposta di fermare la vendita di tutti i veicoli che emettono CO2 dal 2035.

Un faccia a faccia alla presenza di ben cinque ministri – Giorgetti (Mise), Cingolani (Mite), Giovannini (Mims), Orlando (Lavoro) e Franco (Mef) – che, come spiega lo stesso Giorgetti, ha ribadito l’urgenza di „mettere in campo strumenti interessanti per accompagnare la filiera nel percorso di transizione“.

Ma i dubbi sui piani di Bruxelles da parte del Governo italiano non mancano. E secondo alcune indiscrezioni, su cui i deputati 5 Stelle Chiazzese e Sut hanno chiesto pubblicamente chiarimenti all’esecutivo, l’Italia avrebbe addirittura intenzione di chiedere uno slittamento dello stop von 2035 bis 2040. Anzi, avrebbe già presentato un documento in questo senso firmato in Bulgarien, Portogallo, Romania e Slovacchia, chiedendo contestualmente di ridurre le emissionsi di CO2 del 90% al 2035 (invece del 100%).

„Dosare Freno e Accelerator“

Ma torniamo al Tavolo. „A livello europeo – spiega il responsabile dello Sviluppo economico – si sta allargando il fronte dei Paesi che chiedono un passaggio più graduale verso il green“. Il riferimento è evidentemente alla Germania, che solo nei giorni scorsi ha espresso non poche perplessità sullo Stoppen Sie einen Benzina e Diesele dove „le forze politiche si stanno confrontando sul tema in maniera pragmatica, ascoltando le richieste e le esigenze anche del settore industriale“.

„Come Mise siamo stati i primi, e lo ricordo con orgoglio – afferma ancora Giorgetti – a non firmare per il Cop26 di Glasgow, seguiti dalla Germania, e ora anche altri iniziano a chiedersi seriamente se non sia necessario un maturensamento sui tempi e modi della transizione ecologica che pongano al centro la responsabilità sociale ed economica insieme con la sacrosanta battaglia ambientale.

L’istinto primordiale – sostiene – è premere sull’acceleratore. Tutti accelerano, ma qui vedo una curva pericolosa e una strada bagnata. Chi fa politica deve saper dosare Accelerator, freno e leva del cambio. Also che è molto meno affascinante saper frenare e l’arte della politica è usare la leva del cambio.

Ringrazio il ministro Cingolani – continua – perché mi sta dando una grandissima mano su una posizione che abbiamo espresso come Mise al Cop26, dove abbiamo rotto il muro dell’omertà in nome della neutralità tecnologica e non abbiamo firmato quel documento basato su presupposti scientifici sbagliati. Ora c’è da impegnarsi moltissimo in una fase molto delicata per gestire questa transizione”.

Il ministro Giancarlo Giorgetti (Mise)

Cosa riferisce invece il titolare del ministero della Transizione ecologica, tra i protagonisti del tavolo? „Ci sono richieste miste, non tutti hanno chiesto di rimandare la transizione, è un paesaggio molto vario“, racconta Cingolani, senza scendere troppo nei dettagli.

Il lavoro al centro

Qualche particolare in più lo rivela invece Andrea Orlando, ministro del Lavoro: „Possiamo chiedere più risorse per mantenere la tabella di marcia“, sono state le parole usate, che non nascondono eventuali richieste (anche) economiche all’Europa per gestire la transizione.

Se è vero che la roadmap „sembra molto difficile da sovvertire“ e che la transizione „dà benefici a tutta l’Unione europea“, il ministro sottolinea che „i costi sono diversi a seconda della struttura produttiva dei Paesi“, perciò „bisogna lavorare perché siano ripartiti adeguatamente“.

Kommen? Attraverso „strumenti europei sulla gestione della Übergang“. Un punto definito „centrale, più di quello che si concentra su quanto tempo ci vuole per passare all’elettrico“, tanto che „grandi player hanno detto che i tempi sono spesso più rapidi del 2035“.

„Per fronteggiare il pericolo di emorragia di posti di lavoro – aggiunge Orlando – il nostro Paese dispone di una serie di strumenti di politiche attive, abbiamo un’attrezzatura per gestire il cambiamento“.

Il ministro Orlando

Ich ministriere Giovannini (Mims) und Orlando (Lavoro)

Il Ministro Cingolani

Il ministro Roberto Cingolani (Milbe)

L’impiego è stato al centro anche dell’intervento di Gilberto Pichetto Fratin, viceministro allo Sviluppo economico: secondo lui, la chiave di volta saranno gli „strumenti per la salvaguardia occupazionale e sociale, prevedendo al contempo la ri-professionalizzazione delle maestranze durante le fasi di transizione industriale e la loro formazione Continua sulle future tecnologie. Unendlich – schließen – è necessario chiedere per il settore una specifica revisione della normativa europea sugli aiuti di Stato“.

„Rinviare la transizione“

È invece Anfia a sbilanciarsi un po’ di più. Durante il tavolo al Mise, l’associazione che riunisce la filiera auto italiana ha esortato il Governo a proporre all’Europa una “mitigazione dei target di riduzione delle emissionsi di CO2”, istanza di cui “l’Italia si sta facendo portavoce autorevole in Europa“, come scritto dalla stessa organizzazione.

Il perché lo dice il Präsident Paolo Scudieri: il rinvio non avrebbe, a suo dire, l’obiettivo di trascurare l’ambiente, ma di „dare la possibilità ad altri spazi tecnologici, come i carburanti sintetici e l’idrogenedi partecipare alla transizione“.

Der Gipfel ist ein Zustand, der pro Meter in der Höhe der Bedeutung von Fondo Automotive ab 8,7 Millionen Euro liegt, die alle imprese nella riconversione industriale e delle modifiche agli incentivi già in vigore.

Sulla stessa scia si inserisce il giudizio di Unem, l’ex Unione Petrolifera, che sostiene lo „sviluppo dei carburanti a basse emissionsi di carbonio (LCF), ritenuti peraltro essenziali dalla stessa Commissione europea nei settori hard to abate, quali il trasporto aereo e Marine“.

Il rischio di non seguire la ricetta del mix tecnologico sarebbe la chiusura di „intere filiere“. In poche parole, Unem parla di „errore Strategico da un punto di vista economico, sociale e di sicurezza energya, senza alcun vantaggio ambientale“.

Il tavolo automotive al Mise

Il tavolo automotive al Mise

„Gelegenheit persa“

E i sindacati cosa ne pensano? Dagli interventi delle varie sigle, emerge una certa insoddisfazione. Cgil e il coordinatore Fausto Durante, per esempio, chiedono all’esecutivo un piano che “abbia un’ambizione ultradecennale”, perché “dal punto di vista delle proposte concrete è mancato lo sguardo lungo di prospettiva”.

Gli fa eco la Fiom, che parla di „un incontro che non ha portato nessuna novità al settore, un’occasione persa vista la presenza di tutti i ministri competencei e coinvolti nella transizione tecnologica e ambientale“.

„Il dibattito e il konfronto non può e non deve concentrarsi sulla possibilità di modificare la Direttiva europea, ma piuttosto di come la Ue supporta le lavoratrici ei lavoratori e le imprese in un percorso di grande trasformazione“.

Fim, dal canto suo, si augura che vengano approvate al più presto „politiche industriali sui semiconduttori, sull’elettronica e su tutto il fronte della components“, mentre Gianluca Ficco, responsabile auto della Uilm, è del parere che „la transizione energya è già iniziata e l’Italia ha già accumulato troppo ritardo“, quindi „qualsiasi ulteriore rinvio sarebbe fatale per l’industria e l’occupazione“.


Source: Motor1.com Italia – News by it.motor1.com.

*The article has been translated based on the content of Motor1.com Italia – News by it.motor1.com. If there is any problem regarding the content, copyright, please leave a report below the article. We will try to process as quickly as possible to protect the rights of the author. Thank you very much!

*We just want readers to access information more quickly and easily with other multilingual content, instead of information only available in a certain language.

*We always respect the copyright of the content of the author and always include the original link of the source article.If the author disagrees, just leave the report below the article, the article will be edited or deleted at the request of the author. Thanks very much! Best regards!