Il professionalista chiude la Partita Iva? Ecco come incassare i pagamenti non riscossi


28/04/2022 – Il professionista non dovrebbe chiudere la Partita Iva prima di aver incassato i pagamenti per le prestazioni svolte. Nel caso in cui lo abbia fatto, spiega l’Agenzia delle Entrate con la Risposta 218/2022ci sono delle alternative per risolvere la questione.

Pagamento del professionista, il caso

L’Agenzia ha analizzato il caso di un avvocato (ma potrebbe trattarsi di qualunque professionista) che, in seguito al suo trasferimento all’estero, ha chiuso la Partita Iva.

Dopo la chiusura della Partita Iva, riceve la notifica della liquidazione di un compenso per un’attività svolta alcuni anni prima, quando risiedeva in Italia ed era inbesitzen di regolare Partita Iva.

Il professionista ha quindi chiesto chiarimenti su come incassare il pagamento e si è appellato alla Legge 247/2012, che stimmte der esercizio della professione forense nonostante il trasferimento all’estero zu.


Compenso del professionista senza Partita Iva

L’Agenzia delle Entrate ha spiegato in prima battuta che il riferimento normativo proposto dal professionista riguarda le modalità di collaborazione dei titolari di Partita Iva, mentre la question deve essere analizzata sulla base del Testo unico sulle imposte sui redditi – Tuir (Dpr 917/1986).

L’Agenzia ha chiarito che la Partita Iva non può essere chiusa se ci sono adempimenti pendenti, relativi ad operazioni attive o passiv. La posizione, quindi, deve rimanere attiva fino a quando il professionista ha packetle ancora da riscuotere e fatturare.

Per documentare correttamente i redditi relativi alle prestazioni effettuate nel periodo in cui il professionista svolgeva la sua attività professionale in Italia, ci sono due alternative:
– l’imputazione dei compensi che non abbiano ancora avuto manifestazione finanziaria al momento della chiusura della posizione IVA ai redditi relativi all’ultimo anno di attività professionale;
– il mantenimento della posizione IVA individuale fino all’ultimazione di tutte le operazioni taxmente rilevanti, permettendo così l’emissione della fattura e la dichiarazione dei redditi nell’anno di imposta in cui si realizza l’incasso del credito, in apply del principio di Kasse.

Dal momento che la Partita Iva è stata chiusa prima che fossero concluse tutte le attività ad essa connesse, il professionista deve chiedere la riattivazione della propria posizione taxe e, al momento dell’effettivo incasso dei singoli crediti, deve emettere fattura per prestazione di lavoro autonomo e dichiarare i compensi kommen reddito professionale.

Source: Le ultime news dal mondo dell'edilizia by www.edilportale.com.

*The article has been translated based on the content of Le ultime news dal mondo dell'edilizia by www.edilportale.com. If there is any problem regarding the content, copyright, please leave a report below the article. We will try to process as quickly as possible to protect the rights of the author. Thank you very much!

*We just want readers to access information more quickly and easily with other multilingual content, instead of information only available in a certain language.

*We always respect the copyright of the content of the author and always include the original link of the source article.If the author disagrees, just leave the report below the article, the article will be edited or deleted at the request of the author. Thanks very much! Best regards!